Seguendo la via Herculia

Antica via romana che, diramandosi dalla via Appia all'altezza di Benevento, collegava Roma alla Lucania. Una via che dalle pendici del Vulture a Grumentum, ci rivela il volto autentico della Basilicata. Seguendo la Via Herculia scopriremo la vera storia della lucanica, della balestra di Avigliano, della strazzata e del caciocavallo podolico; gli scavi di Grumentum e la magnifica accoglienza di Tramutola.

La pietra di Gorgoglione

Collina materana: territorio aspro ma ricco di atmosfere affascinanti grazie alla bellezza dei suoi ambienti naturali. Imprenditori che hanno voluto investire in quest'area, in particolare a Gorgoglione, che da secoli trae la sua ricchezza da una pietra molto particolare, resistente e facile da lavorare. Pietra che è possibile ammirare anche nelle sue millenarie stratificazioni.

Tra due mari

Insieme raggiungono appena 70 chilometri di costa, una distanza divisa quasi equamente tra Ionio e Tirreno. Placida pianeggiante, sconfinata e aperta, un tempo approdo della Magna Grecia, la costa Ionica entra in forte contrasto naturale con quella Tirrenica, più misteriosa, frastagliata e monumentale.

A zonzo per il territorio

Natura, cultura, storia e sapori unici sono legate a tradizioni antichissime. Matera, palcoscenico per artisti e cittadini. Nel Vulture per incontrare chi produce due eccellenze assolute: l’olio ed il vino. A spasso per la Via Herculia con gli antichi romani. Lo straordinario Matrimonio degli alberi nel Parco del Pollino. E poi, mare, mare, mare: da Policoro e Bernalda a Maratea.

Natura regale

Un’escursione nella zona nord della Basilicata: natura rigogliosa, antiche vie romane, palazzi, castelli medievali. Un vulcano spento, il Vulture, sovrasta il corso del fiume Ofanto dominando le valli e i laghi circostanti che hanno visto le gesta dei sovrani della dinastia normanno-sveva, su tutti Federico II “stupore del mondo”.

Set cinematografico naturale

Scopriamo una Basilicata "terra di cinema", dove i viaggiatori sono attratti non solo dalla bellezze paesaggistiche, ma anche dalla curiosità di scoprire i set dei più importanti film e fiction degli ultimi tempi. E poi riflettori puntati su Maratea per le giornate del cinema Lucano nell'atmosfera delle feste più esclusive.

Basilicata film to film

Legare il cinema al paesaggio e ai prodotti agricoli di eccellenza. Si parte dal parco nazionale del Pollino e più precisamente dal lago di Monte Cotugno. Patrizio Roversi si muove invece in direzione Bernalda dove ci racconta la storia di uno dei più grandi registi internazionali, originario di queste terre. Vedremo infine Matera e Maratea, nei luoghi che l'hanno resa celebre sul grande schermo.

Un luogo trend

Tradizione, arte, eccellenza artigianale. Con Valeria Oppenheimer conosciamo i talenti di moda lucani che sono cresciuti in questa terra ricca di storia. Affascinate il racconto di Manuela Zero che si muove tra i luoghi misteriosi e meno conosciuti della regione. Con Mirko Gancitano invece si vive un'esperienza unica ed estrema, tra le bellezze naturali delle Dolomiti Lucane.

Pollino: natura inviolata

Pino e Giuseppe ci mostrano il Pino Loricato, simbolo del Parco, e la Faggeta vetusta, una foresta che vanta alberi di 500 anni, patrimonio dell’Unesco. Il Parco nazionale del Pollino è l’area naturale protetta più estesa d’Italia (circa 200 mila ettari). Partenza dai 1.350 metri del Rifugio Fasanelli, per una escursione alla scoperta di un patrimonio naturale impareggiabile.

Basilicata, destinazione umana

Storie di bellezza e accoglienza ambientate a Matera. Eliana racconta del suo rientro in città e di come ha trasformato la sua abitazione in un luogo eco-sostenibile, nel cuore dei Sassi. Atmosfere uniche come quelle che presenta Michele, direttore di uno straordinario albergo diffuso che ha previsto il progetto di recupero e risanamento conservativo degli immobili.