Basilicata, destinazione umana

Storie di bellezza e accoglienza ambientate a Matera. Eliana racconta del suo rientro in città e di come ha trasformato la sua abitazione in un luogo eco-sostenibile, nel cuore dei Sassi. Atmosfere uniche come quelle che presenta Michele, direttore di uno straordinario albergo diffuso che ha previsto il progetto di recupero e risanamento conservativo degli immobili.

Botteghe e maestri artigiani

Due giovani artigiani curiosi e meticolosi professionalmente, dopo aver viaggiato, conosciuto culture diverse, imparato tecniche e arti, rientrano a casa con il preciso scopo di riportare i saperi acquisiti e dar loro nuova vita. Un piccolo laboratorio di vera arte, dove si realizzano calzature da uomo su misura e una bottega di ceramica con manufatti in “maiolica e terracotta”.

Orizzonti tra cielo e paesaggi

L’entusiasmo di una cooperativa nel gestire un Planetario astronomico che per le sue qualità didattiche, tecniche e scientifiche è divenuto meta molto appezzata da turisti e studenti. Il calore di un altro gruppo eterogeneo di professionisti che convinti delle indiscutibili potenzialità turistiche del proprio territorio propongono servizi ed esperienze.

Rilancio della Zootecnia

Conosceremo come 39 imprenditori del comparto zootecnico hanno costituito una cooperativa, esempio di buona prassi e protagonista dello sviluppo dell’economia montana lucana. Invece altri due innovativi imprenditori da Roma si trasferiscono in Basilicata, intuiscono le potenzialità dell’'elicicoltura e creano un allevamento di lumache tra i più grandi del Sud Italia.

Vulture, il ‘vulcano buono’

Il viaggio agricolo di Linea Verde ci porta alle pendici del Vulture, il solo vulcano ad est della catena appenninica. Il 'vulcano buono', dalla cui terra fertile e ricca di minerali nascono prodotti straordinari come ad esempio l'Aglianico del Vulture. Molto famose anche le sue acque: acque minerali naturalmente frizzanti per via dell'anidride carbonica che continua a fuoriuscire dalle viscere della terra.

La riva (2014, di N. Ragone)

Una coppia di borghesi decide di trascorrere una giornata al mare. Nel giro di poco tempo la riva diventa una metafora di quanto possano essere opprimenti e artificiosi i rapporti sociali e familiari. La spiaggia e i suoi abitanti, tra un’onda e l’altra, diventano un inferno “sartriano” dal quale non si può che fuggire in mare aperto.

Anna (2013, di G. M. Albano)

Anna e Giovanni sono una giovane coppia che si appresta a iniziare una vita insieme. Quando però Anna resta incinta, il desiderio di una famiglia si scontra con la difficoltà di mantenere il posto di lavoro e saranno obbligati ad una scelta. Ma, quando si parla di maternità tutte le donne sono uguali.

Paride (2015, di C. Solito)

Paride è un giovane omosessuale allontanatosi dai luoghi d’origine e dalla madre a seguito di un fatto doloroso, destinato a segnare profondamente le loro esistenze e l’intera comunità .Il ritorno a casa, dopo una drammatica notizia, lo costringerà a riaprire le ferite del passato.